Le novità nel settore giochi del decreto fiscale

VN:F [1.9.22_1171]
Rating: 10.0/10 (1 vote cast)

Nel Decreto Fiscale approvato dal Governo Monti, appena ieri venerdì 02 marzo 2012, appaiono una serie norme che regolamentano il settore giochi, dall’ippica alle lotterie, dal gioco online al contrasto all’illegalità.

La norma più controversa, che sarebbe stata introdotta dall’emendamento denominato “Divieto di propaganda pubblicitaria del gioco d’azzardo, disciplina degli obblighi di informazione e disposizioni in materia di gioco d’azzardo patologico” proposto dal deputato del Pdl Daniele Galli, è stata esclusa del tutto e non sembra che il governo abbia intenzione di intervenire in maniera così netta; di contro, però, sono previste una serie di iniziative volte a prevenire il gioco da parte dei minori, ed a sensibilizzare i giocatori per renderli edotti in merito al cosiddetto “gioco problematico”, fase antecedente a quella del “gioco patologico”. Passa così la linea di molti che dal PD (Coscioni) al governo stesso (sottosegretario Polillo) vedevano come controproducente ogni iniziativa di tipo “proibizionistico” che potesse anche incidere sulla libertà di espressione.

Il decreto fiscale contiente quindi una serie di norme che riassettano alcuni aspetti del gioco, soprattutto, in materia di prelievi fiscali (trattando anche la cosiddetta “tassa sulla fortuna”), ippica e videoslot. In particolare, è stato escluso il contributo preventivato da parte del settore slot da destinarsi al salvataggio del settore “scommesse ippiche”, è stata cancellata l’emanazione dei nuovi giochi detti di “lotteria da resto”, inizialmente previste dal decreto Aquila, e da attivarsi entro fine 2012, ed è stato concesso un “anno sabbatico” ai concessionari di slot machines, di cui si porta il prelievo fiscale sal 12,6% all’11,8% per consentire soprattutto l’ammodernamento del parco macchine per passaggio alle nuove VLT, prevedendo di riportarlo per l’anno 2013 al 13% (in quest’anno è prevista anche una revisione della percentuale di payout delle slot machine da bar dal 75% al 74%).

Per il gioco online è prevista per il rilascio delle nuove concessioni un parere preventivo del Consiglio di Stato, il quale sarà tenuto a valutare la solidità patrimoniale delle aziende che richiedono le concessioni; inoltre prevista una semplificazione “epocale” per la disciplina dei giochi: i decreti dell’AAMS avranno validità dal momento della pubblicazione sul sito dell’AAMS stesso, senza necessità della preventiva pubblicazione sulla Gazzetta Ufficiale.

VN:F [1.9.22_1171]
Rating: +1 (from 1 vote)
Le novità nel settore giochi del decreto fiscale, 10.0 out of 10 based on 1 rating

Leave a Reply